08.11.2017

La soppressione della protezione alla frontiera è una minaccia all’orticoltura svizzera

COMUNICATO STAMPA

Il 1° novembre il Consiglio Federale ha reso noto la sua visione generale in merito allo sviluppo a medio termine della politica agricola. L’Unione svizzera dei produttori di verdura USPV ne ha preso nota con una grande inquietudine.

La soppressione della protezione alla frontiera rappresenta una minaccia per l’esistenza della produzione di verdure in Svizzera. Il settore orticolo approfitta – contrariamente alla concorrenza europea – solo minimamente di sostegni interni dello stato devoluti sotto forma di pagamenti diretti. L’USPV concorda con il Consiglio Federale nel senso che anche in futuro l’agricoltura deve generare valore aggiunto sul mercato e che si deve favorire l’evoluzione delle aziende. Tuttavia per raggiungere l’obiettivo, il settore orticolo nazionale ha bisogno di una protezione alla frontiera, poiché all’estero vigono condizioni di produzione differenti dalle nostre. Per questo motivo l’USPV si oppone a ogni misura, che rende più facile l’accesso al mercato.
Swiss Diva
Schweiz Natürlich